Di Maio avverte Salvini: "Se fai cadere il governo sarai colpevole davanti ai mercati, assumiti le responsabilità" - BlogItalia.News

Di Maio avverte Salvini: “Se fai cadere il governo sarai colpevole davanti ai mercati, assumiti le responsabilità”

Non si placano gli animi sulla questione Siri, il pensiero va subito al governo che potrebbe vacillare e far esplodere in senso negativo i mercati. Di Maio avverte il leghista: “Sarai colpevole davanti ai mercati”

Più delle convenienze politiche, più della lussuria di potere e del contratto di governo, è la paura dei «mercati» ad allontanare la crisi da palazzo Chigi. «Non reggeremmo l’urto», ripetono in queste ore a Matteo Salvini e a Luigi Di Maio i loro uomini di fiducia, mentre i due – ostinati – schermagliano intorno al destino del sottosegretario leghista Armando Siri, indagato per corruzione. Di Maio, a differenza dell’alleato, è però convinto di avere una strada in discesa di fronte a sè. Qualora le dimissioni volontarie di Siri dovessero tardare, mercoledì in Consiglio dei ministri il premier Giuseppe Conte proporrà il “licenziamento” del sottosegretario. I Cinque stelle hanno la maggioranza in Cdm e potrebbero quindi forzare. Certo, si augurano di non arrivare a tanto. Ma se non ci fossero alternative, «se si spaccasse il Cdm su Siri – sottolinea Di Maio ospite a “1/2 ora in più” – non chiederemo noi la crisi di governo». Il cerino deve rimanere in mano a Salvini – ragiona in privato il capo politico del Movimento – e «dovrà essere lui a prendersi la responsabilità di far saltare il banco, con tutte le conseguenze che ci saranno sui mercati».

Il fantasma dello spread ha già fatto capolino nelle ultime settimane. È tornato a livelli di guardia – come hanno notato gli esperti economici del governo – nei giorni che hanno preceduto il giudizio sui nostri conti dell’agenzia Standard & Poor’s. Se prima o dopo le Europee si aprisse una crisi – con la pausa estiva alle porte e una manovra a dir poco complicata sulla quale lavorare in autunno – gli effetti sui conti pubblici sarebbero più che negativi. «Non ci vogliamo neanche pensare», commentano dal ministero dell’Economia. Lo scenario non piace nemmeno al potente sottosegretario di palazzo Chigi Giancarlo Giorgetti, vicino al presidente della Bce Mario Draghi e uomo di raccordo della Lega con i grandi fondi di investimento che detengono il debito pubblico italiano. A poco servirebbero i suoi tentativi di sedare i mercati, le sue rassicurazioni a Pimco, BlackRock, Norges bank, ai fondi di Dubai, Singapore, cinesi e sauditi, come aveva fatto a cavallo tra novembre e dicembre scorsi, nell’ipotesi di una crisi di governo una volta scavallato il 2019. In primavera c’erano i tempi tecnici per intervenire con la costruzione di una nuova maggioranza o, nel caso, tornare al voto. «Ma ora siamo troppo in là – ragiona Di Maio con i suoi colonnelli -, non ci sono le condizioni. È un gioco che la Lega non può più fare».

Ecco perché il leader M5s è convinto che Siri si dimetterà prima di mercoledì. E partendo da questa convinzione, continua a mordere le caviglie dell’alleato. Nei confronti dei migranti «fa il forte con i deboli, ma questo è il momento di avere davvero coraggio», punge il grillino. Salvini, senza troppi giri di parole, viene prima accostato alla «casta», poi invitato a «tirar fuori le palle» e dare il ben servito al suo sottosegretario. «Tappatevi la bocca», ringhia il segretario del Carroccio. Ma Di Maio cerca ancora di infilzarlo: «Con la corruzione non ci si tappa la bocca. Si chiede alle persone di mettersi in panchina». Ormai siamo alle provocazioni quotidiane, agli insulti, alle minacce. E l’unica forza in grado di tenere insieme le due anime di questo governo – per assurdo – sembra essere la paura dei mercati. Quegli stessi mercati che chi professa il cambiamento diceva di odiare.

LEGGI ANCHE: Caso Siri, Giorgetti non ascolta Di Maio: “Per me Siri resta al suo posto!”

FONTE: https://www.lastampa.it/2019/05/06/italia/di-maio-se-salta-tutto-la-lega-sar-colpevole-davanti-ai-mercati-JGL6A0z6JNx5B6TgnmqTOL/pagina.html
Segnala a Zazoom - Blog Directory