Paragone: "Sarò la spina nel fianco del Movimento, altri grillini si sveglieranno come ho fatto io" - BlogItalia.News

Paragone: “Sarò la spina nel fianco del Movimento, altri grillini si sveglieranno come ho fatto io”

Paragone non le manda a dire e va pesante sull’attuale ideologia 5 Stelle, promette battaglia interna

“Perché mi sono astenuto sulla fiducia al governo? Il mio voto non era fondamentale per far cadere il governo. Se lo fosse stato, figuratevi se mi sarei astenuto. Questo mi consente di fare una politica nel M5s che, secondo me, tra un po’ vedrà qualcuno svegliarsi dall’ipnosi generale. Certo, se avessi votato no, il processo sulla mia espulsione sarebbe stato più facile per il movimento“. Così, ai microfoni de “L’Italia s’è desta”, su Radio Cusano Campus, il senatore del M5s, Gianluigi Paragone, risponde alla domanda di un radioascoltatore che gli chiede il motivo per cui si è astenuto nel voto di fiducia al governo Conte bis.

E aggiunge: “Non nego che vorrei tentare di non essere più solo. Il fatto di essere una spina nel fianco all’interno del M5s mi consentirà di raccogliere un malcontento che fra un po’ sicuramente verrà fuori e mi permette di avere un margine politico che voglio utilizzare. Ogni tanto, insomma, si fa un minimo di tattica. Le nomine dei sottosegretari e dei viceministri al Ministero dell’Economia? Secondo me, il M5s ha messo due non brillanti giocatori, a differenza del Pd che ha costruito una filiera completamente europeista. Laura Castelli ormai è diventata una figlioccia del sistema. E anche Alessio Villarosa è ben lontano dal Villarosa che qualche grillino ancora si ricorda fuori dal palazzo“.

Riguardo alla sua posizione nel M5s, il giornalista puntualizza: “Mi hanno chiuso tre trasmissioni, due in tv e una in radio, per le idee che avevo. Sarebbe paradossale se il M5s mi silenziasse, dato che un tempo mi avevano chiamato proprio perché le mie trasmissioni erano state chiuse. A chi dentro il movimento mi critica ricordo sempre che fui invitato a Italia 5 Stelle di Rimini, quindi non ero un imbucato. E su quel palco tenni un mio spettacolo, “Gang Bang”, tratto dal mio libro, contro l’Europa, il neoliberismo, le riforme del Pd. E siccome in quelle cose ci credo e ho studiato, non posso mettermi con questi qui. Credo che il Pd sia la porta d’accesso del neoliberismo in Italia, dai tempi di Prodi a oggi. Qualcuno ha anche detto che la mia trasmissione “La Gabbia” è stata il laboratorio del governo gialloverde. In parte è così, ed è il motivo per cui difendo quel governo”.

Poi precisa: “Non è che sto dando una notizia, ma è evidente che sia Beppe Grillo il regista di questa operazione e lui stesso lo rivendica orgogliosamente. Di Maio invece non rivendica nulla. Lui sta soltanto gestendo qualcosa che altri hanno scritto per lui. Ma fa bene a non rimanere strozzato e a circondarsi di proprio amici, perché, quando ti devi guardare dal nemico, è meglio avere almeno dei compagni di gioco che conoscano il tuo gioco. Insomma, non mi infarcisco di fichiani il governo, soltanto perché hanno fatto l’accordo col Pd. Sarebbe stato molto, molto sciocco da parte di Di Maio“.

LEGGI ANCHE:

Conte Bis, spacca il M5S dall’interno e Paragone avverte: “Non sono il solo, altri pronti a seguirmi, il senato 5 stelle trema”

 

FONTE: https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/16/governo-paragone-saro-spina-nel-fianco-del-m5s-conte-bellissimo-pavone-nello-zoo-ue-di-maio-gestisce-qualcosa-scritto-da-altri-per-lui/5455870/
Segnala a Zazoom - Blog Directory