TAV si tratta a oltranza, Salvini vuole una risposta secca: "Si o No" - BlogItalia.News

TAV si tratta a oltranza, Salvini vuole una risposta secca: “Si o No”

Si discute e si tratta a oltranza, i 5 stelle non sono sicuri, la lega spinge per il si. Salvini vuole una risposta secca

Prosegue da oltre quattro ore a Palazzo Chigi il vertice sulla Tav tra il premier Giuseppe Conte, i vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio e il ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli. I tecnici stanno illustrando ai ministri l’analisi costi-benefici punto per punto. L’obiettivo è quello di proseguire ad oltranza per arrivare a venerdì con una decisione finale sull’opera. Al tavolo ci sono anche dieci tecnici. Si tratta di cinque “prof” convocati dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e cinque dai sottosegretari della Lega. Sono Gaetano Marzulli, Alberto Chiavelli, Paolo Beria, Pasquale Pucciariello, Luigi Navone, Francesco Parola, Ginio Ferretti, Alberto Petroni, Carlo Vaghi e Pierluigi Coppola. Assente annunciato il presidente della commissione che ha condotto l’analisi costi-benefici, Marco Ponti. Accanto al premier Giuseppe Conte e ai vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, ci sono oltre al ministro Toninelli,  il viceministro leghista Edoardo Rixi, il sottosegretario della Lega Armando Siri, il capogruppo M5s in Senato Stefano Patuanelli e il presidente M5s della commissione Trasporti di Palazzo Madama Mauro Coltorti. All’interno del Governo restano forti divisioni: la Lega vuole la realizzazione, il Movimento 5 Stelle chiede lo stop dell’opera. E, come dice serafico il capo del Carroccio Matteo Salvini, “il forse non c’è”: bisogna uscire con una risposta secca. Conte, rientrato da una breve visita a Belgrado, spera di poter chiudere nelle prossime ore, ma si dice pronto a procedere “ad oltranza”, fino alla scadenza che ha fissato per venerdì. All’inizio della settimana prossima, infatti, bisogna pubblicare i bandi Telt necessari a far avanzare l’opera e ricevere i finanziamenti europei.

 

Dalla Francia si fa sentire il Comité Transalpine per il Sì, mentre a Bruxelles i funzionari Ue avrebbero già preparato una lettera che ricorda i freddi numeri: la perdita complessiva, nel caso di blocco dell’opera, sarebbe di circa 800 milioni, di cui 300 già a marzo. In queste ore di fuoco, Conte ascolta a turno i vicepremier Di Maio e Salvini, accanto al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che ha smentito in modo categorico di aver pensato di dimettersi. Al tavolo siedono anche il sottosegretario leghista Armando Siri e i tecnici che hanno seguito il dossier.Salvini, entrando al vertice, spiega di aver convocato esperti e tecnici che gli hanno confermato che l’Alta Velocità “costa di più non farla, che farla”. Bisogna quindi procedere, anche perché “il treno è più sicuro, costa meno e inquina meno: su questo non c’è nessuno che mi possa far cambiare idea”.Il problema è che anche nel Movimento 5 Stelle restano arroccati sulle proprie posizioni. “Se c’è uno studio che dice che l’opera non sta in piedi un buon padre di famiglia non spenderebbe mai queste cifre”, sottolinea Di Maio.

LEGGI ANCHE: Di Maio messo alle corde dai suoi, cedere a Salvini sulla TAV lo farebbe saltare da capo dei 5 stelle, ecco perché…

A vertice in corso, davanti a Palazzo Chigi viene intercettato dai cronisti il deputato pentastellato Luca Carabetta, piemontese e inamovibile: le sue parole d’ordine sono No Tav e ridiscussione del trattato Italia-Francia con successivo passaggio parlamentare. Nelle retrovie, i due partiti fanno filtrare aperture e ipotesi di lavoro per un possibile compromesso. I pentastellati (o una loro parte) potrebbero accettare il via libera ai bandi rivedendo l’intero progetto, rafforzando la vecchia linea del Frejus. Dal Carroccio replicano a muso duro: ribadiscono il loro sì al treno veloce, dicendosi “disponibili a modifiche del progetto purché non sia tradito lo spirito iniziale”. Un’ipotesi circolata a vertice in corso prevede di rifare il traforo ferroviario del Frejus, con una nuova galleria di 15 chilometri, al posto del maxi-tunnel da 57,5 chilometri previsto nel progetto attuale. Così si spenderebbe di meno. Ma l’idea viene bocciata senza appello dal presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, secondo cui si tratta di “una carnevalata”. Una via d’uscita, su cui ambo le parti sembrano potersi accordare, sono la via parlamentare o la consultazione dei cittadini, tramite referendum. Il premier Conte, da parte sua, non si sbilancia, cercando la strada che lo farà uscire dal tunnel. E rassicurando che, in ogni caso, “il Governo non cadrà”.

FONTE: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Tav-si-tratta-a-oltranza-Salvini-Non-farla-costerebbe-di-piu-f5f97a4a-7693-4232-a2b0-a8d6edaec3be.html
Segnala a Zazoom - Blog Directory