Toninelli e Musumeci è scontro! Il governatore siciliano al ministro: "Smettila con le passeggiate in Sicilia" - BlogItalia.News

Toninelli e Musumeci è scontro! Il governatore siciliano al ministro: “Smettila con le passeggiate in Sicilia”

Il governatore siciliano non ci stà e replica duramente al ministro Danilo Toninelli: “Smettila con le passeggiate in Sicilia per fare campagna elettorale”

Il governatore Nello Musumeci replica a muso duro al ministro delle Infrastrutture, il 5 stelle Danilo Toninelli, in questi giorni impegnato in un tour nei cantieri eterni dell’Isola. Toninelli ha attaccato la Regione per la vicenda del Cas (“Non ha fatto nulla”, ha detto) e sul Ponte ha sostenuto che si tratti di una scandalo. “Toninelli non può continuare a fare passeggiate dall’amaro sapore elettoralistico a poche settimane dalle europee frequentando quei cantieri che la Regione Siciliana, con una azione tenace e incessante, ha consentito di diventare vivi al termine di un anno di attività e di pressioni nei confronti di anas e Rfi”, dice il governatore.

“Toninelli abbia rispetto e la smetta di apparire come un galoppino elettorale, alla ricerca di consenso sul lavoro svolto da altri enti e istituzioni –  ha aggiunto –  si preoccupi il ministro Toninelli di chiedersi perché Rfi da 30 anni non ha ritenuto di fare adeguati investimenti per l’ammodernamento della rete ferroviaria e da oltre 20 anni si parla inutilmente del raddoppio ferroviario Messina-Catania.Da un ministro degno di questo nome ci si aspetta un’azione seria, dirompente. “Toninelli ha detto che entro il 2025. Si potrà andare in treno da palermo a catania in un’ora e 45 minuti? avevo venti anni quando ho letto per la prima volta questa promessa. Siamo stanchi di questo linguaggio da prima repubblica. Il ministro Toninelli si preoccupi di un controllo più efficace su Anas invece di difenderla a spada tratta, la stessa Anas che sulla Catania-Palermo ci ha fatto trovare undici cantieri al momento del nostro insediamento e che tiene nel portafoglio oltre due miliardi di euro della programmazione regionale, molti dei quali ingiustificatamente non trovano investimento”.

In conferenza stampa con musumeci anche l’assessore regionale alle infrastrutture, Marco Falcone: “Il ministro è venuto in Sicilia senza portare un euro in più per i lavori”. Musumeci è furibondo per i toni usati dal ministro: “Toninelli la smetta di obbedire a qualche cattivo consigliere locale e assuma per intero l’autorevolezza che gli deriva dal ruolo rivestito. Un ministro non può dire che il Ponte sullo stretto è offensivo, non glielo consentiamo. Anzi, prende sempre più consistenza l’ipotesi di indire un referendum sul Ponte sullo stretto per capire se quest’opera, che non inficia il potenziamento della rete infrastrutturale dell’Isola, bensì la incrementa, è condivisa o no dal popolo siciliano”.

In serata arriva la replica dei 5 stelle. “A Palazzo d’Orleans c’è stato un festival della miserabilità. Musumeci recita lo stesso copione di chi lo ha preceduto in un rapporto di ingratitudine verso lo Stato, in questo caso verso il ministro Toninelli. Ma evidentemente siccome siamo in campagna elettorale il presidente Musumeci pensa di sfoggiare le sue doti di bravura nell’insultare. Però alle Europee non ci mette la faccia, infatti ‘Diventera’ Bellissimà non ci sarà alle elezioni”. E’ la dura presa di posizione del capogruppo del Movimento 5 Stelle all’Ars, Francesco Cappello, che ha convocato una conferenza stampa a sorpresa per rispondere alle critiche del governatore siciliano Nello Musumeci.

“Musumeci spieghi perchè oggi è cosi attaccato al Cas? Dopo un anno e mezzo di governo regionale, non ha avuto la forza di nominare un presidente, che è stato nominato alla fine solo oggi, dopo 4 commissariamenti. E’ ora legittimo o no che il ministro venga a fare una ispezione? E se a seguito di questa ispezione il ministro trova 541 inadempimenti del Cas? Toninelli non minaccia ma piuttosto tutela la salute pubblica”, aggiunge Giancarlo Cancelleri. “C’è una formale diffida dell’Anas al Cas che contesta questi inadempimenti – ha poi aggiunto il deputato del M5s Antonino De Luca – Musumeci aveva prima detto che la concessione di Anas al Cas andava revocata, oggi invece cambia idea, ci chiediamo perchè, nominando un presidente e un Cda di cui fanno anche parte persone che risultano non elette nella sua lista alle regionali”.

LEGGI ANCHE: Sicilia, l’imbarazzo di Musumeci, un terzo dei suoi assessori è sotto inchiesta

FONTE: https://palermo.repubblica.it/politica/2019/03/26/news/infrastrutture_musumeci_replica_a_toninelli_la_smetta_di_fare_passeggiate_elettorali_in_sicilia_-222564039/
Segnala a Zazoom - Blog Directory