Renato Brunetta: "I 5 stelle perdono consensi e cercano nemici per riprenderlo" - BlogItalia.News

Renato Brunetta: “I 5 stelle perdono consensi e cercano nemici per riprenderlo”

Renato Brunetta si sofferma sulla situazione dei consensi per i 5 stelle e sui nuovi attriti nati con Francia e Germania

Renato Brunetta, Ministro per la Pubblica Amministrazione e Innovazione dal 2008 al 2011, non ha mai smesso di monitorare costantemente la situazione politico-economica italianaaffidando le proprie analisi al suo sito web ufficiale, che ospita un florilegio quotidianamente aggiornato di osservazioni e commenti frutto delle analisi personali dell’esponente di Forza Italia.

E proprio i “numeri” sono alla base del suo ultimo comunicato, con il quale egli chiama direttamente in causa il capo politico pentastellato. “Possiamo capire lo stato d’animo del vicepremier Di Maio” scrive l’Onorevole Brunetta, “che sta osservando il consenso del suo Movimento Cinque Stelle scendere alla stessa velocità con la quale sta scendendo il Pil. Anche perché, con un simile calo, l’Europa, che sta monitorando da vicino l’andamento dell’economia e dei conti pubblici, imporrà questa primavera una manovra correttiva per contrastare l’eccesso di deficit che si è creato per via del calo del Pil”.

Quindi illustra più approfonditamente il suo pensiero: “Considerando che, con i nuovi dati di crescita, il rapporto deficit/Pil per il 2019 dovrebbe salire ben oltre il 2,4% (con il rischio che superi il 3%), la manovra correttiva dovrebbe ammontare tra i 7 e i 10 miliardi di euro. Oltre al rischio di un prossimo downgrade del debito pubblico da parte delle agenzie di rating. E’ dallo scorso maggio che il Movimento Cinque Stelle nega l’evidenza e addossa le colpe su altri. E’ il metodo Casalino”.

Fin dall’insediamento del governo Lega-M5s, abbiamo assistito al dipanarsi di una dinamica oltremodo palese da parte dei due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, quella cioè di individuare una sorta di “nemico esterno” sempre nuovo e sempre diverso, utile a veicolare l’idea della solidità (almeno esteriore) di un’alleanza per molti versi giudicata scricchiolante.

Tale strategia, che pare ispirata alle dinamiche dei gruppi oggetto di studi della Psicologia Sociale, viene delineata politicamente dall’ex Ministro della Pubblica Amministrazione e Innovazione Renato Brunetta, che traccia, nel suo ultimo comunicato stampa affidato al suo sito ufficiale, una sorta d’interessante florilegio delle varie crociate (perlopiù combattute sul campo di battaglia virtuale dei social network) intraprese dai due dioscuri dell’Esecutivo in questi convulsi mesi di governo.

“Recita un vecchio adagio che la pace sia il più grande accordo commerciale che un Paese possa sottoscrivere” scrive Renato Brunetta. “I due vicepremier pro tempore Matteo Salvini e Luigi Di Maio, purtroppo per l’Italia, non la pensano così. Dal loro insediamento al Governo, infatti, hanno deciso di lanciarsi in uno scontro dietro l’altro a caccia di nemici, al grido di “prima gli italiani”.

L’onorevole di Forza Italia elenca quindi le varie tappe di questa continua guerra mediatica. “Il primo grande scontro, ce lo ricordiamo tutti, è stato contro le istituzioni europee. Contro la Commissione Europea la disputa è stata senza precedenti, prendendo come pretesto il rifiuto di Bruxelles di avallare i numeri dell’assurda Legge di Bilancio per il 2019”. Una battaglia, secondo i dati dell’ex Ministro, “costata al nostro Paese centinaia di miliardi di euro, tra perdite di Borsa, aumento dello spread, e crollo dell’economia reale”.

L’onorevole Brunetta rammemora dunque le invettive spietate ai danni di Jean-Claude Juncker e Pierre Moscovici, senza dimenticare le dure reprimende da parte della coppia Salvini-Di Maio alla BCE e al governatore Mario Draghi, accusati in più occasioni, e in varie sfumature dialettiche a seconda del colore “giallo” o in alternativa “verde” degli attacchi, di essere al servizio dei “poteri forti”. Cavallo di battaglia grillino che oramai ha pervaso anche la comunicazione istituzionale leghista, in una sorta di contaminazione continua fra i discorsi politici e propagandistici dei due partiti.

La personalizzazione dello scontro, additando al pubblico ludibrio Draghi, Moscovici o Juncker, non ha tuttavia impedito al capo politico del M5s e al leader del Carroccio di mirare anche contro entità istituzionali quali Il Fondo Monetario “violentemente accusato di essere la causa di tutte le sciagure dell’economia mondiale” e Bankitalia, tacciata a sua volta “di essere una istituzione poco credibile sulle stime di crescita, facendo finta di dimenticarsi che l’errore più grave nelle previsioni l’ha fatto proprio il Governo, ipotizzando addirittura un +1,5% per il 2019”.

Il tutto, corredato dalle solite bordate contro i mitologici George Soros, “banchieri per i quali ha lavorato il presidente francese Emmanuel Macron” come scrive Renato Brunetta, e che non possono non esseree annoverati nel “kit” di ogni propaganda del “cambiamento” che si rispetti. Almeno a giudicare dai sondaggi, concludiamo, questa strategia pare giovare maggiormente al Carroccio che non al M5s, il quale appare a tutti gli effetti spiazzato e schiacciato dall’alleato leghista, al punto di imitarlo e rincorrerlo nella comunicazione. Campo in cui, fino a qualche tempo fa, i pentastellati erano invece leader assoluti.

 

LEGGI ANCHE: Brunetta a Tria: “la maggioranza è morta, il paese è in recessione!”

FONTE: http://www.affaritaliani.it/politica/renato-brunetta-il-consenso-del-m5s-cala-come-il-pil-rischio-downgrade-582803.html
http://www.affaritaliani.it/entertainment/renato-brunetta-di-maio-e-salvini-a-caccia-di-nemici-solo-per-il-consenso-583381.html
Segnala a Zazoom - Blog Directory