TAV, avvertimento a Salvini: "Non spingerti oltre", Di Maio non molla - BlogItalia.News

TAV, avvertimento a Salvini: “Non spingerti oltre”, Di Maio non molla

Tensione alta in casa governo, tra Salvini e Di Maio, l’argomento si chiama TAV. Il leghista spinge per farla, mentre il grillino si rifiuta

“Non litigo con nessuno. Se qualcuno ha scavato 25 chilometri di galleria sotto la montagna è più utile finirla quella galleria, o lasciarla lì com’è? Non serve la laurea al Politcenico per intuire cosa sia meglio fare”, prova a tagliar corto il leader leghista convinto che, alla fine, coi pentastellarti si possa trovare la quadra. Ma non è così. E, dopo lo sproloquio di Alessandro Di Battista (“Se la Lega intende andare avanti su un buco inutile, tornasse da Berlusconi e non rompesse i coglioni, chiaro?”), è Luigi Di Maio a gettare benzina sul fuoco ribadendo che l’alta velocità Torino-Lione non si farà. “E non consiglio di spingere su temi dove non siamo d’accordo…”.

Il governo gilloverde scricchiola ancora sotto il peso dell’alta velocità. Questa volta sono i grillini ad alzare i toni e Salvini a vestire l’abito del mediatore. “Se portarla a termine o no si deciderà – li mette in guardia il premier Giuseppe Conte – dopo l’analisi costi-benefici”. Dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, però, trapelano i primi dati: un saldo fortemente negativo a carico della prosecuzione dell’opera. Niente di nuovo visto che la commissione formata da Danilo Toninelli è in larga misura composta da tecnici contrari alla Tav. “Un conto sono le parole, un conto sono i fatti”, prova a rassicurare il vicepremier leghista in una intervista al Messaggero promettendo di trovare un accordo con l’alleato. La sua idea è di andare a risparmiare un miliardo di euro modificando il progetto iniziale, proprio come scritto nel contratto di governo (video). “Non solo si va avanti con la Tav – spiega – ma in una fase di rallentamento generale dell’economia, dalla Cina alla Germania, dobbiamo rilanciare con un grande piano di opere pubbliche, in cui rientra anche l’apertura e lo sviluppo di 400 progetti che vanno da Nord a Sud”.

Tav, Salvini: “I soldi servono per finire le opere”

LEGGI ANCHE: TAV, Di Battista brutale su Salvini: “Non rompa i cogl**ni”, il leghista risponde ironicamente

Di Maio non vuole neanche discuterne. “Finché il Movimento 5 Stelle è al governo – giura – non si scava neanche un centimetro”. Come già ieri, i toni usati da Di Maio oggi sono violenti e ultimativi. Non sembra affatto disposto a dialogare con l’alleato leghista. Non solo boccia il tema del ridimensionamento dell’opera (“È una supercazzola”), ma invita addirittura Salvini a non spingersi oltre (video). “Per me valgono le priorità – avverte – in questo governo ce lo siamo detti chiaramente, dall’inizio che ci sono cose su cui siamo d’accordo e altre su cui non siamo d’accordo”. Da qui il consiglio-minaccia di lavorare su quello su cui sono d’accordo. “Altrimenti devo convincermi che si spinge su cose su cui non siamo d’accordoper creare tensioni nel governo? Io non lo consiglio – conclude il capo politico del M5S – io consiglierei di spingere sulle cose che sono prioritarie per gli italiani”.

 

FONTE: http://www.ilgiornale.it/news/politica/tav-maio-contro-maio-non-spingere-dove-non-c-accordo-1638692.html
Segnala a Zazoom - Blog Directory