Tria annuncia le stime: "Italia verso crescita zero" - BlogItalia.News

Tria annuncia le stime: “Italia verso crescita zero”

Il ministro dell’Economia Tria parla della situazione economica italiana: “Crescita verso lo zero”

“Una manovra correttiva? Nessuno ce la chiede”, lo dice il ministro dell’Economia e Finanza Giovanni Tria intervenuto al Festival dell’Economia Civile a Firenze. Tria nel suo discorso parla di varie questioni che deve affrontare il governo nelle prossime settimane: dal Dl crescita, alla presentazione del Documento di Economia e Finanza. Fino alla Commissione di Inchiesta sulle banche, di cui dice  Sbloccantieri, “spero prima del Def” Sul fronte degli appalti “dobbiamo avere una normativa che si richiami alla direttiva europea, se la applicassimo buona parte dei lavori potrebbero ripartire”. Poi in merito ai decreti da approvare ha aggiunto: “In questi giorni si approveranno i decreti sblocca cantieri e poi le misure necessarie per contrastare la stagnazione, questo rallentamento. Spero anche prima del Documento di economia e finanza”, ha detto il ministro. Rallentemento della crescita in tutta Europa “Siamo davanti ad un rallentamento della crescita in tutta Europa e in Italia, nel 2019, si avvia verso lo zero”. Lo ha detto il ministro dell’Economia, Giovanni Tria in occasione della giornata conclusiva del Festival nazionale dell’economia civile, in corso a Firenze. “Si è fermata la Germania e, di conseguenza, si è fermata anche la parte più produttiva dell’Italia – ha proseguito Tria. – Ora siccome l’Italia da anni cresce un punto in meno degli altri paesi europei noi ci avviamo verso lo zero”. Il ministro ha dunque sottolineato: “Abbiamo un problema di crescita e dietro c’è una caduta di fiducia. L’incertezza creata dalla polarizzazione delle economie creata a livello internazionale non si traduce in investimenti privati.

Per avere beni pubblici ci vogliono investimenti”. Parte più produttiva dell’Italia è ferma In questo momento c’è “un rallentamento della crescita in Europa”, perché “si è fermato il motore, la Germania”, e conseguentemente “si è fermata anche la parte più produttiva dell’Italia, quella del manifatturiero che esporta”. Lo ha detto il ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria a Firenze ricordando che il problema è che l’Italia “da dieci anni cresce un punto percentuale in meno del resto d’Europa, significa che la nostra economia è allo ‘zero’ mentre la Germania riesce a rimanere allo 0,7-0,8 per cento”, ha aggiunto. Senza stabilità sociale, no stabilità finanziaria Con il modello mercantilistico si guardava solo alle esportazioni. Quel modello oggi e’ entrato in crisi. L’iperconnettivita’ ha portato alla polarizzazione della crescita e cosi’ sono cresciute le diseguaglianze economiche”. Cosi’ il ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria intervenendo alla terza giornata del Festival dell’Economia Civile che si conclude oggi a Firenze. “C’e’ stata una polarizzazione e sta creando un grande problema. Inseguiamo la stabilita’ finanziaria, ma non puo’ esserci senza stabilita’ sociale. Tutti pensano alla prossima crisi finanziaria, ma non stiamo nuovamente prevedendo che forse questa volta si parte dalla crisi economica”, ha aggiunto Giovanni Tria.  Questo aspetto, ha detto Tria, “in Europa e’ stato sottovalutato. Proprio in Europa non si fanno analisi a livello europeo non tenendo conto delle interconnessioni”. Banche, attacco mina interesse nazionale “Attaccare il sistema bancario italiano, mettere in dubbio la sua solidità ma anche la sua resilienza e porre un sospetto su questo, significa avallare una delle campagne europee che ci stanno attaccando e mettendo in difficoltà”. E significa “minare l’interesse nazionale, nel momento in cui stiamo negoziando come arrivare all’unione bancaria”,  ha sottolineato Tria. “A parte alcuni casi, che sono veramente pochi, di malagestione delle banche italiane, il sistema bancario italiano è uno dei più sani d’Europa e forse del mondo”, ha aggiunto. “Dopo la crisi del 2008 questo era chiaro non avevamo titoli velenosi, derivati pericolosi, tossici, come le avevano e in alcuni casi hanno ancora molte banche europee, in primo luogo tedesche”, ha aggiunto. Oggi, però, “il sistema bancario italiano si è consolidato e gli nplsi sono ridotti di molto, dimezzati”, ha proseguito il ministro sottolinenando come “il sistema bancario italiano non haqualcosa da nascondere, sono altri i sistemi bancari che hanno problemi da nascondere”.

FONTE: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Tria-Italia-verso-crescita-zero-ma-nessuno-ci-chiede-una-manovra-correttiva-3d2d5352-0448-4415-858a-e5580de4b58f.html
Segnala a Zazoom - Blog Directory