Vita dura per i furbetti del cartellino, arriva l'APP con impronta digitale - BlogItalia.News

Vita dura per i furbetti del cartellino, arriva l’APP con impronta digitale

APP con impronta digitale per combattere i furbetti del cartellino; a promuoverla il ministro Giulia Bongiorno

Il suo nome è “Cloudify NoiPa” e si potrà presto scaricare da AppStore e GooglePlay. È la killer-app per debellare la piaga dei furbetti del cartellino. Il ministro Giulia Bongiorno non la chiama così, ma è convinta che dove gli inasprimenti di pena si sono dimostrati inefficaci, riuscirà invece una applicazione su smartphone capace di andare a monte della piaga dell’assenteismo, cioè a impedire materialmente che un dipendente figuri al lavoro quando non lo è. Come? Con un sistema di riconoscimento biometrico basato sull’impronta digitale. Il ministro per la Pubblica amministrazione lo aveva annunciato fin dal suo insediamento, oggi ilfattoquotidiano.it può anticipare anche come sarà sperimentato, il suo funzionamento, i tempi e i costi.

“Sono convinta che questo sistema sarà una vera svolta”, dice il ministro. “L’assenteismo ha raggiunto livelli non più sopportabili, come dimostrano le recenti ordinanze di custodia cautelare nei confronti di soggetti che truffano la Pa”. Nell’ultima settimana, il ministro ha vissuto con particolare sconcerto il caso del dipendente che risultava in un ufficio pubblico quando era in carcere. “Significa solo una cosa, che parliamo di sistemi di assenteismo cronici per cui chi porta il cartellino dell’altro dipendente nemmeno si accerta se sia in stato di libertà. Ecco perché è importante introdurre controlli biometrici”.

Non ha paura della reazione dei sindacati? “Alla Camera hanno introdotto il sistema di voto contro i pianisti e quando mi hanno chiesto l’impronta non ho avuto alcuna remora. Chi non ha da temere, non teme nulla“. Così l’accesso a controllo biometrico è pronto a partire. In una prima fase sarà messo a punto dal Mef e da Noi Pa, il sistema informativo realizzato per gestire i dati dei dipendenti e sarà sperimentato subito dopo l’approvazione del ddl Concretezza in alcune amministrazioni pilota. Tale sperimentazione consentirà di valutare l’efficacia degli strumenti utilizzati senza escludere che nella fase a regime potranno essere individuate anche soluzioni diverse quali l’utilizzo di una scheda/badge.

A PROPOSITO DI GIULIA BONGIORNO: Il ministro della pubblica amministrazione Giulia Bongiorno aggredita insieme ad un’altra donna da uno straniero

La sperimentazione avverrà attraverso l’impiego di una app creata ad hoc da scaricare su uno smartphone messo a disposizione dei dipendenti che permetterà a ciascuno, dopo essersi preventivamente registrato, di entrare nella propria sede di lavoro. Ogni dipendente dovrà scaricare sul proprio smartphone – dotato di lettore impronte digitali (presente sullo smartphone messo a disposizione) – la app dedicata e registrarsi. Ogni Amministrazione coinvolta nella sperimentazione è dotata di Dispositivi di Rilevamento Presenze (Drp) e di un server per la gestione degli stessi.

 

FONTE: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/12/24/assenteismo-arriva-la-killer-app-dei-furbetti-del-cartellino-senza-la-propria-impronta-digitale-non-si-entra-in-ufficio
Segnala a Zazoom - Blog Directory